gennaio 31, 2017

MusepArcheo e la Torre di Santa Caterina di Nardò

 

Su uno sperone roccioso e immersa in una fitta pineta, la Torre di Santa Caterina di Nardò domina la baia col porticciolo dell’omonima località, in stretta relazione visiva con la Torre dell’Alto (a Nord) e le Quattro Colonne (a Sud). Costruita nel 1582, l’edificio presenta una base a pianta quadrata e un elevato in due blocchi equivalenti divisi da un toro marcapiano. L’unica porta di accesso al piano elevato era collegata ad un ponte levatoio, successivamente sostituito da una scalinata esterna. Al piano terra era invece presente un ambiente magazzino, in un secondo tempo adibito a stalla.

Ed è qui in questo splendido contesto che si trova il MusepArcheo. La sala, allestita al piano terra della Torre, ospita una selezione di reperti rinvenuti durante i lavori di scavo archeologico preventivo realizzato nella zona antistante esterna (campagne di scavo 2012-2015).

Terracunta gestisce l’apertura della sala espositiva, all’interno della quale è possibile usufruire di guide e brochure informative.

_____________

Si effettuano anche (su prenotazione) visite alla TORRE con orari e itinerari personalizzati:

  • Escursioni e visite guidate a tema storico-naturalistico nel territorio del Comune di Nardò e nei paesi limitrofi.
  • Trekking urbano lungo le torri costiere.
  • Escursioni tra le torri costiere e i parchi naturali.
  • Visite guidate e passeggiate culturali: Nardò centro storico-Torre Santa Caterina; Galatone-Torre Santa Caterina; Alezio (S. Maria della Lizza)-Torre Santa Caterina; Galatina-Torre Santa Caterina; Copertino-Leverano-Torre Santa Caterina; Gallipoli centro storico- Torre Santa Caterina (percorsi anche by-night e con soste per degustazioni in locali caratteristici del posto).
×