Che dite se per divulgare la storia ci mettessimo a #giocare?

[slideshow_deploy id=’440′]

Nella giornata di ieri 10 giugno 2014 a #SPArcheoLab insieme a Elena Musci, abbiamo voluto provare dal vivo la dimensione del gioco come aiuto nella comprensione della storia di luoghi e popoli. Il tutto in un importante “contenitore” culturale come il Castello Dentice di Frasso di Carovigno (BR) a far da cornice.

Nella terza tappa del nostro percorso formativo S.P.A. Smart Puglia Archaeology, ci siamo immersi nel gioco, fatto per divertirsi e nello stesso tempo per imparare. La nostra esperta di didattica ludica della storia, ci ha trasmesso il suo bagaglio di ricerche ed esperienze, che l’hanno portata in questi anni ad arricchire le tradizionali tecniche di apprendimento con la sana e coinvolgente formula del divertimento.

Un altro ventaglio di metodologie e risorse che possono essere offerte ai visitatori di musei e luoghi della storia, e che permettano loro di scoprire, di guardarsi intorno e conoscere, giocando. Il gioco, quindi, come mediazione didattico-comunicativa, al servizio di luoghi della cultura e allestimenti museali.

Abbiamo affrontato gli aspetti legati all’efficacia dei processi divulgativi delle attività che solitamente i visitatori vengono chiamati a svolgere. L’apprendimento non può essere un processo immediato; coloro che sono chiamati ad imparare e conoscere, devono essere messi nelle condizioni di riflettere e pensare, discutere e condividere. Ed è così che le attività ludiche acquisiscono un’importanza indiscussa.

Ma non abbiamo solo conosciuto e appreso meccanismi e dinamiche divulgative. Ci siamo trasformati da professionisti della cultura in giocatori della storia. Abbiamo fatto un tuffo nel passato, giocando con la vita di Gaio, tra le strade dell’antico centro abitato di Egnathia.

Gioco e storia, divertimento e costruzione di legami culturali con il passato e le ricchezze di un territorio.

E noi operatori e divulgatori, siamo pronti a metterci in gioco?

Appuntamento a venerdì 13 per una nuova tappa di #SPArcheoLab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

×